Lecce. Arrigoni: "Dobbiamo continuare così, ma migliorare alcune cose"

Andrea Arrigoni
Andrea Arrigoni
- 42924 letture

Ha parlato in co ferenza stampa Andrea Arrigoni, centrocampista del Lecce, che dall'arrivo di mister Liverani è migliorato tantissimo. Sono diverse le prestazioni convincenti messe a segno in queste ultime gare. E quasi sicuramente avrà un posto da titolare anche nella prossima partita con l'Akragas in programma sabato 14 ottobre alle ore 14.30. Lui parla del momento dei giallorossi, del cambio in panchina tra Roberto Rizzo e il nuovo allenatore, ma anche di quello che c'è da sistemare nella squadra e nel gioco del Lecce. Il focus sembra quello della difesa, ormai, riconosciuto come il tallone d'achille di questa prima parte di stagione. Come già detto i giallorossi contano il miglior attacco del campionato, ma anche una delle peggiori difese. Arrigoni si gode anche il primo posto e vuole continuare così per poter aumentare convinzione ed entusiasmo:

Il momento positivo: "Veniamo da cinque vittorie consecutive, quattro delle quali le abbiamo conquistate con mister Liverani. Vogliamo continuare su questa strada per incrementare I'entusiasmo e la convinzione in noi stessi".

Sul cambio in panchina: "Per quello che mi riguarda, con il passaggio da mister Rizzo a mister Liverani, è cambiato poco o praticamente nulla, il mio ruolo è rimasto lo stesso, magari è cambiato qualcosa nel reparto avanzato con i due attaccanti".

Sui tanti gol subiti, il centrocampista commenta così: "Il fatto di subire gol non è un discorso che riguarda solo il reparto difensivo, ma tutta la squadra, come del resto vale lo stesso discorso quando si mette a segno una rete. Stiamo, comunque, lavorando tanto per sistemare ogni più piccolo dettaglio".

Per quanto riguarda ciò che bisogna migliorare: "Nella gestione della partita in alcuni frangenti, specialmente quando siamo in vantaggio, dobbiamo migliorare. Dobbiamo essere più bravi nella gestione del pallone per respirare e non permettere agli avversari di acquisire fiducia".

Matteo Pagano