Lecce. Liverani: "Serve positività, stiamo vicini alla squadra"

Fabio Liverani
Fabio Liverani

Le parole di Fabio Liverani, allenatore del Lecce, dopo la gara Lecce-Matera parla in sala stampa e commenta il pareggio maturato al "Via del Mare":

"Non parlo con gli arbitri, la fortuna nostra è che c'era una diretta tv. In passato ho parlato di regolamenti con Collina e Rizzoli e credo sia lampante il secondo rigore su Di Piazza, il primo non l'ho visto e quindi non posso commentarlo. Io sono qui da 25 partite e non ho mai parlato di squadre avversarie e arbitri, quello che mi fa strano è leggere venerdì pomeriggio un allenatore del nostro girone(parla di Braglia, ndr) che chiama la designazione per lui di Massimi di Termoli, io credevo di aver visto tutto nel calcio, ma in Serie C vedo cose ultimamente che credo follia. Io vorrei qualcuno che mi spiegasse questa cosa perché faccio fatica a capire questa cosa. Sono molto più sereno rispetto a Siracusa(nella partita con l'Akragas). Tabanelli sta recuperando molto bene, oggi ha fatto bene. Da qui al 31 marzo ci sono altre 4 partite e avremo bisogno di tutta la rosa, questo è un bel gruppo, si allenano al 150%, esco oggi molto rafforzato dallo 0-0. Mancosu? Ha fatto bene nel farsi trovare libero, male tecnicamente, però è stato molto dalle linee. Nella globalità oggi c'è stata una bella prestazione. C'è troppa preoccupazione, mentre vedo che nelle altre piazze che sono a -7 esserci più entusiasmo rispetto a noi. I ragazzi vanno aiutati, hanno bisogno di essere sostenuti sia dentro che all'esterno, serve unità perché aiuta a fare bene, non possiamo accollargli 6 anni di Serie C a questi ragazzi. Loro si impegnano, lottano, fanno sacrifici, questa squadra ha bisogno di tutto quello che c'è in questa città: mancano 8 partite, bisogna fare tutti qualcosa in più. Siamo a +7 e sono 7 punti, già all'andata tutti avevano dato i 3 punti al Catania quando noi abbiamo riposato e invece poi ha vinto il Trapani, nel calcio le partite vanno giocate, non vanno pensate e sempre al negativo, ogni tanto serve un po' di positività. Io sono abituato a preparare più partite, a volte posso fare bene e a volte posso fare male, io sono sicuro che se Di Piazza avesse fatto gol passavamo tutti come eroi, mentre è una scelta che ho fatto per questa partita. Tabanelli è un giocatore che da qui alle prossime 8 partite sarà importante, come lo saranno tutti. Per me la forza che mi ha portato fino a qui oggi è la totalità del gruppo, se questa squadra arriverà all'obiettivo l'avrà fatta grazie al gruppo e non grazie al singolo".

Matteo Pagano