Calciomercato LIVE

Lecce: oggi la rifinitura a Martignano

Cittadella dello Sport - Martignano
Cittadella dello Sport - Martignano

E' già tempo di rifinitura per il Lecce di mister Liverani che domani, mercoledì 14 febbraio 2018, sarà impegnato nella gara di Coppa Italia contro il Cosenza. Il fischio d'inizio è fissato per le ore 16.30.

L'allenamento di ieri - Nella giornata di ieri singola seduta d'allenamento per i calciatori che insieme allo staff tecnico si sono ritrovati alla Cittadella dello sport di Martignano. Il mister ha concentrato l'allenamento esclusivamente sulla tattica per poter affrontare al meglio il Cosenza di mister Braglia.

Situazione infortunati - Per quanto riguarda la situazione dell'infermeria ci sono due calciatori che dalla ripresa degli allenamenti continuano a lavorare in differenziato e quindi probabilmente non saranno disponibili per la gara di coppa. Il primo è Andrea Tabanelli che in realtà non era disponibile nemmeno per la gara con il Bisceglie. Il secondo è il capitano Checco Lepore che si era fatto male durante la rifinitura della gara di venerdì. Oltre ai due calciatori che hanno lavorato in differenziato, ieri, anche Radoslav Tsonev non si è allenato regolarmente, anzi è rimasto a riposo a causa di una distorsione al piede sinistro.

L'allenamento di oggi - I calciatori insieme a mister Liverani e a tutto lo staff tecnico oggi saranno impegnati nell'allenamento di rifinitura in vista della gara di domani. L'appuntamento è nel pomeriggio alla Cittadella dello Sport di Martignano. Subito dopo spazio alla lista dei convocati e alla classica conferenza stampa di mister Fabio Liverani. Intanto vi ricordiamo che per la gara di Coppa la prevendita andrà avanti fino a domani, per tutti le informazioni sui biglietti clicca qui. Per quanto riguarda la trasferta a Catania per la gara con la Sicula Leonzio non sarà possibile per i tifosi giallorossi seguire la propria squadra, ma questo per l'accordo che la società bianconera ha con il comune che mette a disposizione solo 250 posti dello stadio.

Matteo Pagano