Livorno-Lecce 0-3: seconda gioia giallorossa con doppietta di Palombi

Simone Palombi
Simone Palombi

Ottima prestazione del Lecce di mister Liverani che a Livorno vince e convince nonostante i tanti cavi rispetto alla vittoria con il Venezia. Ancora in luce Palombi autore di un'altra doppietta, bene anche La Mantia che si sblocca. 

Primo tempo: Il Lecce parte bene e ha spazio di manovra conquistando subito un calcio d'angolo sfruttato male. Al 13' occasione per i giallorossi con la palla che arriva sulla testa di Meccariello il cui tiro però è debole. Due minuti dopo calcio d'angolo battuto da Petriccione: La Mantia stacca tutti e di testa batte Mazzoni. Con il passare dei minuti gli amaranto non sembrano in grado di reagire e così Lucarelli corre ai ripari e cambia modulo schierandosi a specchio. Mossa azzeccata in quanto i padroni di casa si rendono più pericolosi. Al 31' però è il Lecce a sfiorare il raddoppio con una bella azione di squadra: Mancosu lancia La Mantia che a sua volta serve Calderoni, il difensore giallorosso crossa per la testa di Palombi che colpisce bene, ma la palla si ferma sul palo. Il Livorno sfiora il pari al 36': Scavone non chiude bene su Diamanti che va al tiro e sfiora la traversa. Poco altro da segnalare per il resto del primo tempo.

Secondo tempo: Pronti, via e il Lecce raddoppia immediatamente. Bogdan non aggancia il pallone e Palombi si lancia sulla palla avviandosi verso la porta, nessuno riesce a fermarlo e con un tiro preciso beffa il portiere amaranto. Due minuti dopo risponde subito il Livorno che sfiora il gol con Kozak. Al 58' Mancosu lancia Palombi che si ritrova a tu per tu con il portiere: il primo tiro viene parato da Mazzoni, sulla respinta però l'attaccante giallorosso con un tocco preciso batte il portiere amaranto. Segue una fase in cui il Livorno si rende più volte pericoloso, ma senza riuscire mai a finalizzare anche grazie all'attenzione della difesa giallorossa. Al 78' Liverani opta per due cambi: dentro Pettinari e Haye al posto di Palombi e Scavone. Sul finale qualche problema muscolare per Petriccione e Lecce costretto a giocare in 10 per gli ultimi minuti visto che aveva terminato le sostituzioni.

Matteo Pagano

Leggi altre notizie:LECCE