Lecce. Tumminello: "Daremo il massimo per ritrovare la Serie A"

Marco Tumminello
Marco Tumminello

E' stato presentato in sala stampa il nuovo calciatore del Lecce, Marco Tumminello, che arriva in prestito secco per questa seconda parte di stagione. Prima ha preso parola il direttore sportivo Mauro Meluso:

"Siamo molto contenti di aver avuto la possibilità, anche se solo in prestito, di averlo per questi 5 mesi. E' un calciatore molto ambito ed è uno dei migliori talenti della sua età, ringrazio la proprietà per lo sforzo economico dettato da esigenze tecniche. Riponiamo molta fiducia in lui. E' stata una trattativa un po' lunga, ma siamo molti soddisfatti che oggi lui è qui, mi raccomando trattatelo bene".

Queste invece le risposte alle domande del giovane attaccante:

"Cosa mi ha spinto a venire qui? A parte i colori che mi ricordano qualcosa, poi tornare al sud e in una squadra come Lecce che gioca molto bene e che con le parole mi hanno fatto sentire subito a casa, mi sono concentrato per venire qui in tutti i modi e alla fine ci sono riuscito. Come ho detto al direttore per me Serie A o Serie B non conta molto, essendo giovane la prospettiva è quella di giocare e di aiutare la squadra con cui gioco, soprattutto il Lecce speriamo di portare una promozione quest'anno. Ho scelto la maglia numero 9, il mio numero è il 32 perché mi ispiro a Vieri che è il mio idolo, ma siccome è occupata ho deciso di prendermi la 9 che qui ha un peso specifico a quanto pare.

Come descriverei Vieri e a cosa mi ispiro delle sue caratteristiche? A livello tecnico la forza fisica, il senso di vedere la porta in ogni parte del campo e i movimenti che lui costruisce lì davanti. Simone Palombi è più grande di me, abbiamo giocato contro in Primavera nella gara Lazio-Roma, ci conoscevamo già e sono felice di ritrovare un amico. La promessa più grande che mi sento di fare è quella di regalare tante soddisfazioni e che punteremo a dare il massimo per ritrovare questa Serie A, che manca da tanti anni e che soprattutto si merita questa città. Liverani? L'ho conosciuto ieri la prima volta di persona, è merito suo se la squadra gioca molto bene, palla a terra, spero di ripagare la fiducia che mi darà. Ho visto qualche partita del Lecce in modo da non arrivare impreparato". 

Matteo Pagano

Leggi altre notizie:LECCE