Lecce. Liverani: "Napoli? Dovremo saper soffrire" - I AM CALCIO LECCE

Lecce. Liverani: "Napoli? Dovremo saper soffrire"

Fabio Liverani
Fabio Liverani
LecceSerie A

Alla vigilia della gara con il Napoli ha parlato in sala stampa mister Fabio Liverani, allenatore del Lecce. Queste le sue parole di presentazione della gara, ha parlato anche della situazione fisica della squadra:

L’infermeria si sta svuotando, sono un po' indietro Meccariello e Dell’Orco e anche loro sono in via di guarigione e speriamo di recuperarli presto in modo che la squadra possa essere al completo che è la cosa migliore. A Torino chi ha giocato dall’inizio e chi è subentrato ha fatto bene e questo mi ha reso molto felice. Formazione? Qualcosa potrei cambiarla in considerazione delle tre prossime gare in sette giorni, dobbiamo quindi considerare il minutaggio. Il Napoli ha tantissime opzioni sia di collettivo e di individualità, questo non lo scopro io, ha battuto i campioni d'Europa e non credo ci sia da aggiungere altro. Sappiamo che domani ci aspetteranno dei momenti in cui dovremo essere bravi a soffrire ed altri in cui dovremo sfruttare al massimo le nostre qualità in fase di possesso palla.

Il periodo delle tre partite a settembre è diverso da quando capita più avanti: perché cambia la condizione fisica e la conoscenza della squadra. Dobbiamo quindi analizzare tutte e tre le gare che avremo cercando di capire chi può giocare una partita, chi due e chi tutte e tre. Come si può disinnescare il Napoli? Sicuramente con il collettivo e non con i singoli, non dovremo concedere l’uno contro uno sugli esterni  perché altrimenti avremo problemi, non concedendo spazi e raddoppiando. Hanno dei calciatori che giocano insieme da tanti anni e che hanno quindi creato degli automatismi. Hanno tante soluzioni, credo che per noi è importante continuare la strada che abbiamo intrapreso. Dovremo essere assolutamente compatti, sarà una partita di grande sacrificio sia fisico che mentale. 

Babacar? Non so se partirà dall'inizio, sta crescendo, lui sa fare tutto e deve essere spronato a fare il 100%, credo che in questa stagione stia cercando il riscatto e si vede da come sta lavorando. Shakhov? E' un calciatore intelligente che sta crescendo nella condizione fisica, ha una buona empatia con gli altri calciatori, in questa squadra chiunque può giocare dall'inizio: io farò delle valutazioni partita per partita. Imbula? Al momento non può giocare dall'inizio, ma anche lui è in crescita. I centrali? Mi soddisfano molto: mi piace come lavorano, per età, continuità, impegno e qualità sono da prendere come esempio in questa squadra. Lucioni e Rossettini, insieme a Meccariello e Riccardi mi danno buone garanzie per il proseguo del campionato.

Matteo Pagano

Leggi altre notizie:LECCE Serie A