Lecce. Liverani: "Roma squadra forte, ma ce la giocheremo" - I AM CALCIO LECCE

Lecce. Liverani: "Roma squadra forte, ma ce la giocheremo"

Fabio Liverani
Fabio Liverani
LecceSerie A

Alla vigilia della gara contro la Roma, mister Fabio Liverani ha parlato in sala stampa per commentare insieme ai giornalisti la sfida di domani pomeriggio. Queste le sue parole:

Meccariello non è schierabile dall'inizio. Chi ha fatto bene a Ferrara meriterebbe di giocare dall'inizio e abbiamo sempre detto che il posto dipende sempre da loro, ma anche da chi sta fuori. Credo che la sana competizione per noi sia fondamentale. In questo momento devo fare attenzione al minutaggio di chi ad oggi le ha giocate quasi tutte e giocando di pomeriggio potrebbe avere difficoltà. Anche l'anno scorso all'andata vincevamo di più in trasferta che in casa, per me l'atteggiamento deve essere sempre lo stesso: a livello mentale non deve cambiare nulla. Io credo che il fattore campo non incida più come un tempo. Dobbiamo sapere che giocare in casa o fuori non cambia nulla, dobbiamo rispettare l'avversario, costruito per obiettivi diversi. Li dobbiamo affrontare con umiltà e attenzione creandogli ogni tanto qualche preoccupazione e sono convinto che abbiamo le qualità per farlo.

I tifosi sono un valore aggiunto e credo che alla lunga possano davvero portare qualche punto in più. Ogni volta non smettono mai di stupirci soprattutto fuori casa anche in orari improbabili, sono convinto che il tifo non sia un valore solo in casa, ma anche in trasferta. Imbula non può partire dall'inizio, lui ha bisogno di un percorso ancora più tranquillo e secondo me ha un minutaggio tra i 30 e i 45 minuti al momento. Sicuramente il caldo non è un vantaggio per chi è indietro di condizione. Io ho visto qualche partita e hanno avuto qualche difficoltà quando sono stati attaccati alti, ma hanno anche vinto facilmente alcune partite. L'Atalanta credo che l'abbia vinta quando stava nella propria metà campo. Loro hanno positività nel comandare il gioco e mettere tanti calciatori nella metà campo avversaria, giocano molto sul verticale. Credo che noi sappiamo già quali sono le nostre difficoltà, sappiamo che sono forti e che hanno individualità forti. Noi vogliamo provare a giocarcela con le nostre armi.

Io nasco a Roma e tutti sanno la mia storia: da ragazzo tifavo la Roma, ma non ero un professionista, poi ho fatto il capitano alla Lazio nella quale ho trascorso gli anni migliori della mia carriera. E' normale che avrò molta più emozione quando incontrerò i bianco celesti o la Fiorentina: squadre in cui ho sofferto o gioito a livello calcistico. La Roma ha tante alternative e secondo me tornerà alla difesa a quattro. Credo che i calciatori d'esperienza possano tranquillamente isolarsi dall'ambiente esterno. Non avrei messo la firma per avere 6 punti dopo 5 giornate, più che altro perché io non metto mai firme e non faccio calcoli, io cerco sempre il massimo e mi prendo quello che il campo mi da.

Matteo Pagano

Leggi altre notizie:LECCE Serie A