Da 0 a 2 a 2 a 2: il Lecce pareggia in pieno recupero con Calderoni - I AM CALCIO LECCE

Da 0 a 2 a 2 a 2: il Lecce pareggia in pieno recupero con Calderoni

Lecce Cagliari
Lecce Cagliari
LecceSerie A

Una partita che sembrava noiosa e che invece ha regalato tante emozioni. Il Lecce riagguanta il Cagliari durante il recupero e lo fa meritatamente per la prestazione messa in campo dai salentini. Anzi per le occasioni prodotte i giallorossi avrebbero meritato anche di più. Rissa in campo tra Lapadula e Olsen, entrambi espulsi. 

Primo tempo. Dopo il rinvio le squadre si ritrovano faccia a faccia al Via del Mare. L'inizio della gara è avaro di emozioni, nel primo quarto d'ora non succede praticamente nulla. Al 16' ci prova Tachtsidis dalla distanza, il tiro però è impreciso e finisce alto sulla traversa. Al 20' la risposta degli ospiti con una gran botta di Nainggolan dalla distanza, anche in questo caso il tiro è impreciso. Al 30' il VAR richiama l'arbitro per un tocco col braccio di La Mantia sul cross di Cacciatore, l'arbitro va a guardare l'episodio e assegna il rigore. Joao Pedro dal dischetto non sbaglia spazzando Gabriel. Il Lecce non so fa tramortire e reagisce immediatamente alla ricerca del pari, al 35' La Mantia va a botta sicura, ma Olsen fa un vero e proprio miracolo salvando la propria porta. Al 38' occasione per gli ospiti: Nainggolan indisturbato crossa dall'interno dell'area, non ci arriva di un soffio Simeone. Al 43' Shakhov innesca Lapadula, ma l'attaccante viene anticipato da Rog. Succede poco per il resto della prima frazione di gioco, da segnalare allo scadere una punizione per il Lecce sfruttata male.

Secondo tempo. La gara ricomincia sotto il diluvio del Via del Mare. Lecce subito in avanti con la prima occasione dopo appena 2 minuti: Petriccione crossa per la testa di Lapadula che colpisce e indirizza, Olsen però è attento. Altra occasione al 52' con Lapadula che riceve palla e va al tiro da distanza ravvicinata, risponde ancora presente il portiere ospite. Al 59' grave errore di Tabanelli che serve Joao Pedro che può involarsi da solo verso Gabriel, l'attaccante ospite però scivola e spreca un gol quasi già fatto. Al 62' punizione dal limite per il Lecce: bella l'esecuzione di Tabanelli, ma la palla non si abbassa abbastanza. Al 67' il raddoppio dei sardi: errore difensivo del Lecce che consegna la palla a Nainggolan che dal limite va al tiro e batte Gabriel. Il Lecce accusa il colpo e sembra non riuscire più a ragionare. Liverani prova la carta Farias per dare ancora maggiore peso all'attacco. Al 74' Rog ci prova dalla distanza, la palla finisce ampiamente fuori. All'83' rigore per il Lecce: clamoroso tocco di mano di Cacciatore che impedisce alla palla di entrare, il difensore viene espulso. Lapadula dal dischetto non sbaglia. Poi succede un parapiglia tra Lapadula e Olsen: entrambi vengono espulsi dall'arbitro. Il Lecce si butta tutto davanti e Liverani manda anche Dubickas nella mischia. Al 91' pareggio dei giallorossi: tiro in diagonale di Calderoni che batte Rafael.

Matteo Pagano

Leggi altre notizie:LECCE Serie A