Francavilla e Nardò, retrocesse e ripescate: ora quasi ai play-off - I AM CALCIO LECCE

Francavilla e Nardò, retrocesse e ripescate: ora quasi ai play-off

Il rigore di Nolè del momentaneo 1-0
Il rigore di Nolè del momentaneo 1-0
PotenzaSerie D Girone H

La competenza dirigenziale alla distanza esce sempre fuori. Francavilla e Nardò che nella passata stagione erano partite male e retrocesse soltanto da una decisione post-Covid, poi ripescate a settembre, ora sono ad un passo dai play-off. Quando per anni vivi stabilmente in una categoria alla quale ti senti legato, difficilmente ti stacchi. La squadra di Lazic ha confermato di essere anche ieri di stare al passo di una grande, la capolista Sorrento, dopo aver fermato il Lavello, e la formazione salentina con il quarto successo nelle ultime cinque gare ha agganciato la quinta posizione insieme al Team Altamura. Il campionato è per ora equilibrato, ma lo scorso anno era probabilmente più forte, nonostante i forti investimenti di Lavello, Casarano, Picerno, Taranto e Bitonto. Questi cinque club, secondo transfertmarkt, arrivano ad un monte ingaggi complessivo di 9,51 milioni di euro (Bitonto 2,23 mln, Taranto 1,93 mln, Casarano 1,90 mln, Picerno 1,80 mln e Lavello 1,65 mln). Ricordiamo che Francavilla e Nardò lo scorso anno se la sarebbero potuta giocare fino all'ultimo (al Fittipaldi all'ultima giornata sarebbe stato scontro fratricida per evitare la retrocessione diretta) insieme al Grumentum Val d'Agri, l'altra retrocessa per classifica avulsa tra l'altro, ma l'anzianità storica in serie D ha permesso loro di essere ripescati e di strutturare organici all'altezza della categoria.

Biagio Bianculli

Leggi altre notizie:FRANCAVILLA Serie D Girone H