Eccellenza e la ripresa, la vittoria di Sibilia contro i disfattisti - I AM CALCIO LECCE

Eccellenza e la ripresa, la vittoria di Sibilia contro i disfattisti

Il Pres. C. Sibilia, LND
Il Pres. C. Sibilia, LND
CasertaRubriche

I campionati di Eccellenza vedono la luce in fondo al tunnel dopo le dichiarazioni del presidente FIGC, Gravina, di questa mattina. Restano da capire le modalità ed i tempi, tuttavia si va verso la soluzione auspicata dal presidente LND, Cosimo Sibilia.

Il problema, come sollevato dallo stesso numero uno dei dilettanti giorni fa, sarà quello di garantire alle società adeguati contributi sia per quanto riguarda i tamponi da sostenere che per quanto riguarda la sanificazione degli ambienti. Sotto questi aspetti, Sibilia si è mostrato fin dal primo momento vicino alle società, ascoltandone le voci e accogliendone le richieste. 

Come detto in precedenza, resta da capire quale sarà il format dei campionati di Eccellenza che dovrebbe prevedere anche il blocco delle retrocessioni ai campionati di Promozione. Tuttavia, come sottolineato dallo stesso Sibilia in un intervento risalente a qualche giorno fa, "dobbiamo essere consapevoli della grande responsabilità di questa scelta e di complessità che ricadono non solo sulla LND ma anche su tutti quelli che hanno aperto a questa prospettiva, alimentando le speranze di club e tesserati. Quella disponibilità deve essere confermata, su tutti i fronti, soprattutto quelli economici, altrimenti ogni sforzo sarà stato vano".

Il senso delle parole del numero uno della LND è che la sua Lega non dovrà essere lasciata sola qualora si decidesse per la ripartenza dell'Eccellenza: la ripresa dovrà avvenire nelle massime condizioni di sicurezza sia per quanto riguarda la salute che per quanto riguarda la situazione economica dei vari club che saranno chiamati a sforzi ulteriori e mai affrontati nella storia recente del calcio. Parole, inoltre, che testimoniano la costante vicinanza di Sibilia alle società dilettantistiche, costantemente ascoltate e comprese nonostante gli attacchi gratuiti subiti dallo stesso Sibilia da una parte della stampa che, evidentemente, per partito preso, non vede di buon occhio il suo operato in favore di quella parte di calcio che ha poca voce ma che rappresenta la parte più numerosa dell'intero movimento sportivo italiano.

La Redazione